Life ESC 360

Obiettivo del progetto Life ESC 360 è quello di offrire ai giovani la possibilità di fare esperienza nella conservazione della natura attraverso attività di monitoraggio di specie protette all’interno di Riserve Statali in Italia; fondamentale per una gestione mirata delle stesse. I dati raccolti dai volontari, rappresentano un incremento di conoscenza sulla presenza e sull’andamento delle popolazioni di specie di interesse comunitario, anche per le finalità del rapporto tecnico previsto dall’articolo 17 della Direttiva Habitat sul loro stato di conservazione. I volontari opportunatamente formati, applicheranno protocolli standard per il monitoraggio di numerose specie di invertebrati, anfibi, uccelli, mammiferi di interesse comunitario specie e habitat di in prevalenza forestali


Life ASAP

Il progetto Life ASAP (LIFE15 GIE/IT/001039) è un progetto co-finanziato dall’Unione Europea che ha come obiettivo ridurre il tasso di introduzione delle specie aliene invasive (IAS) sul territorio italiano e mitigarne gli impatti. In particolare, Life ASAP mira ad aumentare la consapevolezza e la partecipazione attiva dei cittadini sul problema delle IAS e a promuovere la corretta ed efficace gestione delle IAS da parte degli enti pubblici preposti grazie alla piena attuazione del regolamento europeo in materia di specie aliene invasive (EU 1143/2014).


Life Blue Lakes

Il progetto LIFE Blue Lakes intende affrontare il problema delle microplastiche nei laghi attraverso una serie di azioni di governance, formazione, informazione e sensibilizzazione indirizzate a istituzioni, stakeholder e cittadinanza.
Le principali azioni di progetto saranno realizzate nei laghi di GardaBracciano e Trasimeno in Italia e in quelli di Costanza e Chiemsee in Germania. Altre comunità lacustri italiane ed europee saranno coinvolte nelle azioni di promozione e diffusione di buone pratiche.


Pelagos Plastic Free

Il progetto Pelagos Plastic Free nasce dalla necessità di ridurre l’inquinamento marino da plastica per proteggere i cetacei del Santuario Pelagos. Otto specie diverse di balene e delfini vivono nel Santuario. Uno scrigno di biodiversità riconosciuto a livello internazionale, minacciato dai rifiuti plastici presenti in mare. Nel Mar Mediterraneo ci sono 250 miliardi di frammenti di plastica che galleggiano in superficie, con punte di densità massima di 10 kg/kmq, un valore tra i più alti al mondo, proprio nelle acque dell’Arcipelago Toscano.
Lo scopo di Pelagos Plastic Free è ridurre la presenza di plastica nelle acque del Santuario Pelagos attraverso tre aree di intervento: governance e gestione dei rifiuti urbani, monitoraggio scientifico della plastica in mare, e informazione e sensibilizzazione del pubblico e degli operatori di settore.


Choose Nature

Choose Nature è un progetto di volontariato ambientale creato da Lipu con il contributo dell’Unione Europea e il sostegno di Fondazione Cariplo, dedicato ai ragazzi e alle ragazze tra i 18 e i 30 anni che vogliono fare qualcosa di importante per difendere la natura e gli animali. L’obiettivo di Choose Nature è coinvolgere 310 giovani volontari dell’ESC (European Solidarity Corps) che da agosto 2017 ad agosto 2019 saranno impegnati in importanti missioni sul campo per proteggere 8 specie di uccelli particolarmente protette dalla Direttiva Uccelli e 3 specie fortemente minacciate da attività illegali. All’attività dei ragazzi impegnati nelle missioni in difesa delle specie si accompagnerà quella del gruppo di comunicazione che farà conoscere il progetto stesso e i risultati raggiunti. I volontari del progetto Life Choose Nature sono presenti in 11 regioni italiane. Il loro obiettivo è proteggere alcune delle specie più importanti per la biodiversità del nostro Paese: Cicogna, Aquila reale, Fratino, Lanario, Grillaio, Aquila di Bonelli, Falco della regina, Albanella minore e i piccoli migratori della Sardegna.


LIFE Sic2Sic

Il Progetto LIFE Sic2Sic intende promuovere una partecipazione attiva e consapevole della cittadinanza alla tutela della biodiversità nei siti della Rete Natura 2000.

La Rete, insieme all’intero sistema delle Aree Protette (Parchi Nazionali, Regionali etc.), copre circa il 21% del territorio e custodisce un importante patrimonio di biodiversità, seriamente minacciato e a rischio di estinzione soprattutto per distruzione, degrado e frammentazione degli habitat, introduzione di specie esotiche invasive e sovrasfruttamento di risorse e specie. Ciò è in parte imputabile alla scarsa conoscenza dei Siti della Rete da parte della cittadinanza, alla mancanza di un fattivo dialogo tra popolazioni e istituzioni, e alla scarsa conoscenza del ruolo delle istituzioni comunitarie nella progettazione, nella gestione e nel finanziamento della Rete.